Calendario

Bologna Jazz Festival 2017

Paolo Fresu Devil Quartet

Paolo Fresu Devil Quartet

Paolo Fresu, tromba, flicorno, effetti; Bebo Ferra, chitarra;
Paolino Dalla Porta, contrabbasso; Stefano Bagnoli, batteria

Musica mélangé la definisce Fresu ma, in realtà, solo di jazz si tratta, sia pure spinto in avanti, sia pure meticciato con altri linguaggi, carico di una straordinaria energia dinamica e colmo di buone invenzioni. Rispetto ad altri suoi gruppi, qui la dimensione acustica viene filtrata dagli effetti elettronici, nel solco della tradizione inaugurata dal Miles Davis "elettrico" a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, con un repertorio prevalentemente di composizioni originali e di pagine che fanno parte del songbook jazzistico condiviso.

26 ottobre, 21:00 @ Centro Pandurera, Cento (FE)

Sito web


La Màquina Parlante

La Màquina Parlante

Matteo Scaioli, grammofoni, elettronica

Strategicamente posizionata nel cuore di Bologna, Galleria Cavour è ospitata da edifici storici, autentici gioielli di arte italiana. Tra affreschi, damaschi e pavimenti in marmo ottocentesco, hanno trovato la loro sede prestigiose boutique del mondo del lusso. Non si poteva immaginare un contesto migliore per inaugurare il Bologna Jazz Festival 2017, con un'esclusiva performance musicale. Ideata da Matteo Scaioli, strumentista, compositore e produttore, “La Màquina Parlante” unisce la tecnologia più avanzata (mixer, delay, elettronica) a quella più antica (grammofoni a manovella di vari tipi). Matteo Scaioli ci trasporta in altre atmosfere, un viaggio nel tempo che spazia dalle melodie dei primi anni '30 agli ultimi 78 giri degli anni '60. Un Dj set che ci restituisce il graffio e l’imperfezione, creando un’atmosfera calda e assolutamente unica, che incanta il pubblico durante tutto l’arco dello spettacolo.

27 ottobre, 18:00 @ Galleria Cavour, Bologna


Rava-Herbert-Guidi

Rava-Herbert-Guidi

Venerdì 27 ottobre al Teatro Il Celebrazioni il Bologna Jazz Festival 2017 verrà inaugurato da un incontro al vertice tra due “guru”: Matthew Herbert, consacrato maestro dell’elettronica, ed Enrico Rava, voce storica e fondamentale del jazz europeo. Con loro Giovanni Guidi, pianista emergente cresciuto alla corte jazzistica di Rava. Atmosfere avvolgenti, motivi affilati, squarci lirici, architetture ritmiche in continua metamorfosi scaturiranno dal pianismo marcatamente percussivo di Guidi, dalle folate trombettistiche di Rava e dalla consolle di Herbert, che campionerà e riassemblerà tutto in presa diretta. Nel calderone degli stili si fonderanno i confini tra jazz, elettronica, techno, musica concreta, in un interplay talmente serrato da trasformarsi in rito sciamanico.

27 ottobre, 21:15 @ Teatro Il Celebrazioni, Bologna

DETTAGLI EVENTO

BIGLIETTI: vivaticket button


Adovabadan Jazz Band & Alaa Arsheed

Adovabadan Jazz Band & Alaa Arsheed

Alaa Arsheed, violino; Michele Uliana, clarinetto; Isaac De Martin, chitarra;
Mauro Brunato, banjo; Nicola Barbon, contrabbasso; Remo Straforini batteria
Andrea Endi, voce

Concerto inserito all'interno del progetto The Sound Routes

The Sound Routes è cofinanziato dal programma Europa Creativa dell'Unione Europea e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

"Sound routes. Notes to get closer" è un’iniziativa dedicata all’integrazione sociale e professionale dei musicisti migranti e rifugiati. Il progetto, finanziato attraverso il Programma Europa Creativa della Commissione Europea, vede la partecipazione di un partenariato costituito da cinque istituzioni, tra cui il Bologna Jazz Festival, provenienti da Italia, Spagna, Belgio e Germania. The Sound Routes vuole sostenere le potenzialità creative e le abilità artistiche di migranti e rifugiati, attraverso azioni di integrazione con i musicisti e il pubblico europeo. Il progetto è coordinato dall’agenzia musicale spagnola Marmaduke e include residenze artistiche, jam sessions, house concerts e concerti a Siviglia, Roma, Berlino, Bologna e Gand.

27 ottobre, 21:30 @ Torrione Jazz Club, Ferrara

Sito web


Alkord Quartet + Jam Session

Alkord Quartet + Jam Session

Cristiano Arcelli, sax alto; Alberto Capelli, chitarra classica;
Francesco Angiuli, contrabbasso; Federico Occhiuzzi, batteria

27 ottobre, 23:00 @ Binario 69, Bologna


BassDrumBone

BassDrumBone

Ray Anderson, trombone; Mark Helias, contrabbasso; Gerry Hemingway, batteria

Quaranta candeline e decimo disco fresco di stampa per celebrare l’attività di una formazione di culto della scena downtown newyorkese, tra le più irresistibili in attività. La musica di BassDrumBone si nutre degli elementi base del linguaggio afroamericano, il ritmo, il timbro, il forte interplay, affondando le proprie radici nel blues e nel lessico pre-bop. Ma nel medesimo tempo si proietta in un jazz moderno la cui tensione sonora è sempre garantita da solide basi geometriche e dalla freschezza della pratica improvvisativa.

 28 ottobre @ Torrione Jazz Club, Ferrara

Sito web


Uri Caine Solo

Uri Caine Solo

Uri Caine, pianoforte

Uri Caine è uno dei jazzisti più enciclopedici che sia dato ascoltare: la vastità dei suoi interessi si riflette nelle numerose traiettorie verso cui ha indirizzato la propria creatività. Pianista sopraffino, Uri Caine riversa la sua poliedrica ispirazione non solamente nel jazz, ma anche nel repertorio della tradizione ebraica o rimettendo mano alla storia della musica europea. Con la sua personale ricombinazione dei linguaggi, Caine è uno dei musicisti che più hanno contribuito alla definizione dell'avventura postmoderna della musica improvvisata.

29 ottobre, 21:30 @ Cantina Bentivoglio, Bologna

Sito web


Steve Lehman & Sélébéyone

Steve Lehman & Sélébéyone

La critica specializzata si è prodigata in elogi e riconoscimenti per il talento del sassofonista Steve Lehman. Ora tocca al pubblico scoprire la sua musica audace, percorsa dall’inquietudine dell’avanguardia ma senza eccessi radicali. Lunedì 30 ottobre all’Unipol Auditorium lo si ascolterà col suo gruppo “Sélébéyone”, con la sua incredibile ‘cucina’ musicale fatta di rap senegalese, musica spettrale francese, jazz contemporaneo, hip hop underground, elettronica interattiva. Le frontiere tra jazz e hip hop, già altre volte esplorate da grandi jazzisti, rivelano ora nuove e inaspettate sonorità.

30 ottobre, 21:15 @ Unipol Auditorium

DETTAGLI EVENTO

BIGLIETTI: vivaticket button


Claudia Quintet

Claudia Quintet

Jeremy Viner, sax tenore; Red Wierenga, fisarmonica; Matt Moran, vibrafono;
Adam Hopkins, contrabbasso; John Hollenbeck, batteria

Guidato dal compositore e batterista John Hollenbeck, il Claudia Quintet, fin dalla sua formazione nel 1997, ha contribuito a dare nuova linfa al jazz, rimettendolo a lucido, prendendo spunto dal minimalismo, dal progressive e dal post-rock. Celebrando vent’anni di carriera insieme, questo ensemble di New York continua a esplorare le mille sfumature della musica contemporanea, dando vita a un live dinamico basato su confidenza e spontaneità, che pur non piegandosi alle regole del mainstream, può essere goduto da tutti.

31 ottobre, 21:30 @ Torrione Jazz Club, Ferrara

Sito web


Brian Auger's Oblivion Express feat. Alex Ligertwood

Brian Auger's Oblivion Express feat. Alex Ligertwood

Brian Auger, organo, tastiere; Alex Ligertwood, voce, chitarra;
Travis Carlton, basso; Karma Auger, batteria

Brian Auger, maestro indiscusso delle tastiere elettriche, è sulla cresta dell’onda fin dagli anni ’70, quando collaborava, tra gli altri, con Rod Stewart, Jimi Hendrix e i Led Zeppelin. Sempre in quel fortunato  periodo della sua carriera fonda la band "Oblivion Express", un “treno espresso verso l’oblio”, che nel corso degli anni ha visto avvicendarsi numerosi musicisti. Nelle sue più recenti apparizioni si presenta con i fedeli Karma Auger alla batteria e Travis Carlton al basso, oltre ad Alex Ligertwood, che per ben sedici anni è stato la voce dei Santana.

1° novembre, 22:00 @ Bravo Caffé, Bologna

Sito web


Lee Konitz Quartet - “90 Years Celebration”

Lee Konitz Quartet - “90 Years Celebration”

Giovedì 2 novembre, quando salirà sul palco dell’Unipol Auditorium, Lee Konitz avrà 90 anni esatti appena compiuti, dei quali ben 72 vissuti da musicista professionista. Con un simile traguardo, può ben permettersi un momento di autocelebrazione, come questa “90 Years Celebration” con il suo quartetto. Col suo modo di trattare l’improvvisazione, fatto di lunghe sortite solistiche attorno al materiale melodico, dalla peculiare accentazione, Konitz ha aperto una nuova strada alla pronuncia moderna del sassofono jazz, che si è estesa sino a oggi. Si sono avvalsi del pungente tocco del suo sax personaggi del calibro di Miles Davis, Dave Brubeck, Ornette Coleman, Charles Mingus e, in tempi più recenti, Brad Mehldau.

2 novembre, 21:15 @ Unipol Auditorium, Bologna

DETTAGLI EVENTO

BIGLIETTI: vivaticket button


Barry Harris Masterclass

Barry Harris Masterclass

Dal 3 al 7 novembre @ Cantina Bentivoglio, Bologna

11.00 - 13.00 pianoforte e chitarra
(movimenti armonici di base e avanzati, teoria)
14.30 - 16.30 cantanti
(ear training, improvvisazione e teoria)
16.30 - 18.30 fiati & general workshop
(improvvisazione e teoria per tutti gli strumenti)
dalle 22.00 jam session

Cinque giornate di full immersion nell’universo musicale del leggendario Barry Harris. Il grande maestro statunitense, un vero e proprio mostro sacro della musica afroamericana e uno degli ultimi grandi boppers in attività, è anche da molti anni uno dei più apprezzati docenti internazionali di jazz. La sua presenza a Bologna per il secondo anno consecutivo, è un'occasione imperdibile di approfondimento per tutti i musicisti.

La masterclass è aperta a tutti gli interessati e prevede una quota di partecipazione.
Al termine del ciclo di lezioni verrà rilasciato un attestato utile per il conseguimento dei crediti formativi.

Per informazioni e prenotazioni:
jazz@cantinabentivoglio.it / 328 3580689

Sito web


Tim Berne Snakeoil

Tim Berne Snakeoil

Tim Berne, sax alto; Oscar Noriega, clarinetti;
Matt Mitchell, pianoforte; Ches Smith, batteria, percussioni

Protagonista da oltre trent’anni della scena downtown newyorchese, Tim Berne ci presenta il suo gruppo dal taglio più spiccatamente acustico. Snakeoil, fin dall’esordio discografico, ha messo in evidenza le  caratteristiche di un progetto fatto di tessiture trasparenti e al tempo stesso vibranti d’energia, nelle quali al rigore compositivo si sovrappone una notevole fluidità improvvisativa. La band, già spintasi oltre con l’acclamato You’ve Been Watching Me, ora ci propone il nuovo materiale che costituisce Incidentals, ultimo album edito da ECM.

3 novembre, 21:30 @ Torrione Jazz Club, Ferrara

Sito web


To be bop - Jazz Insights 2017

To be bop - Jazz Insights 2017

Un progetto del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna a cura di Emiliano Pintori

TO BE BOP
dedicato a Dizzy Gillespie
Guest Fabio Morgera

Cinque protagonisti della musica afroamericana di cui quest’anno ricorrono importanti anniversari raccontati dall’interno, vale a dire dalla prospettiva di un musicista jazz, Emiliano Pintori, in compagnia
del suo pianoforte e di autorevoli ospiti.

Biglietti: €6 intero / €5 ridotto. Ingresso fino a esaurimento posti
Prenotazioni su museibologna.it/musica fino alle 12 del giorno dell'evento (salvo esaurimento anticipato posti)

4 novembre, 17:00 @ Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Bologna

Sito web


Franco Ambrosetti & The Italian Gang

Franco Ambrosetti & The Italian Gang

Franco Ambrosetti, tromba, flicorno; Gianluca Ambrosetti, sassofoni; Dado Moroni, pianoforte;
Enzo Pietropaoli, contrabbasso; Enzo Zirilli, batteria

Nato nel 1941 a Lugano, Franco Ambrosetti ha ereditato l’amore e la sapienza del miglior jazz dal padre Flavio, uno dei pionieri europei del sassofono in ambito bop, portando avanti nei decenni una carriera musicale di prim’ordine. I prestigiosi premi ottenuti si accostano all’impressionante elenco dei musicisti coi quali Ambrosetti ha inciso, fin qui, una trentina di dischi da leader: da Michael Brecker a Jerry Bergonzi, Dave Holland, Buster Williams, Kenny Barron, Uri Caine, fino agli stessi componenti della sua Italian Gang.

4 novembre, 21:15 @ Teatro Dadà, Castelfranco Emilia (MO)

Sito web


Tower Jazz Composers Orchestra

Tower Jazz Composers Orchestra

Marta Raviglia, voce; Alfonso Santimone, direzione, pianoforte;
Piero Bittolo Bon, direzione, sax alto, clarinetto basso, flauti; Sandro Tognazzo, flauto; Glauco Benedetti, tuba;
Mirko Cisilino, Pasquale Paterra, Gabriele Cancelli, trombe;
Filippo Vignato, Federico Pierantoni, Lorenzo Manfredini, tromboni;
Gianluca Fortini, Tobia Bondesan, Filippo Orefice, Beppe Scardino, sassofoni, clarinetti;
Luca Chiari, Riccardo Morndini, chitarra; Federico Rubin, piano elettrico;
Alessandro Garino, pianoforte; Stefano Dallaporta, contrabbasso; William Simone, percussioni;
Andrea Grillini, Simone Sferruzza, batteria

 

Evento integrante del Progetto Didattico Massimo Mutti

Realizzato con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

In collaborazione con Gruppo Unipol, Conservatorio di Musica "G.B. Martini" di Bologna, Liceo Musicale "Lucio Dalla", Accademia delle Belle Arti di Bologna

5 novembre, 17:30 @ Unipol Auditorium, Bologna

 


Saggio in forma di concerto

Saggio in forma di concerto

Allievi del Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna

Musiche di Steve Lehman

Direzione di Nicola Fazzini

 

Evento integrante del Progetto Didattico Massimo Mutti

Realizzato con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

In collaborazione con Gruppo Unipol, Conservatorio di Musica "G.B. Martini" di Bologna, Liceo Musicale "Lucio Dalla", Accademia delle Belle Arti di Bologna

5 novembre, 17:30 @Unipol Auditorium, Bologna


Laboratorio Sociale Afrobeat

Laboratorio Sociale Afrobeat

Jam Session diretta da Guglielmo Pagnozzi

Concerto inserito all'interno del progetto The Sound Routes

The Sound Routes è cofinanziato dal programma Europa Creativa dell'Unione Europea e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

"Sound routes. Notes to get closer" è un’iniziativa dedicata all’integrazione sociale e professionale dei musicisti migranti e rifugiati. Il progetto, finanziato attraverso il Programma Europa Creativa della Commissione Europea, vede la partecipazione di un partenariato costituito da cinque istituzioni, tra cui il Bologna Jazz Festival, provenienti da Italia, Spagna, Belgio e Germania. The Sound Routes vuole sostenere le potenzialità creative e le abilità artistiche di migranti e rifugiati, attraverso azioni di integrazione con i musicisti e il pubblico europeo. Il progetto è coordinato dall’agenzia musicale spagnola Marmaduke e include residenze artistiche, jam sessions, house concerts e concerti a Siviglia, Roma, Berlino, Bologna e Gand.

5 novembre, 21:30 @ Lokomotiv Club, Bologna

Sito web


Barry Harris Trio

Barry Harris Trio

Barry Harris, pianoforte; Luca Pisani, contrabbasso; Fabio Grandi, batteria

Uno dei più rappresentativi musicisti jazz viventi, Barry Harris fin dagli anni Cinquanta ha influenzato decine di pianisti in tutto il mondo attraverso la sua corposa produzione discografica, la miriade di concerti sostenuti e soprattutto grazie alla propria apprezzata attività di didatta. Barry Harris, classe 1929, in oltre sessant’anni di carriera ha contribuito a scrivere alcune pagine indimenticabili della musica afroamericana accanto a tutti i più grandi, da Miles Davis a Clifford Brown, Coleman Hawkins, Dexter Gordon, Cannonball Adderley.

6 novembre, 21:30 @ Cantina Bentivoglio, Bologna

Sito web


Chick Corea & Steve Gadd Band

Chick Corea & Steve Gadd Band

Martedì 7 novembre il Teatro Auditorium Manzoni ospiterà il concerto di punta del cartellone del BJF 2017: la band co-diretta dal pianista Chick Corea e dal batterista Steve Gadd. Si tratta di una nuova avventura che nasce sulle basi di un glorioso passato, quello di dischi come The Leprechaun, My Spanish Heart, Three Quartets e Friends, che nella seconda metà degli anni Settanta riportarono Corea sulla strada del jazz dopo i bagliori della fusion. Corea e Gadd tornano così a riunire le forze, per la prima volta in co-leadership: la musica è tutta nuova ma riprende il discorso da dove era stato lasciato in sospeso.

7 novembre, 21:15 @ Teatro Auditorium Manzoni, Bologna

DETTAGLI EVENTO

BIGLIETTI: vivaticket button


Binker & Moses

Binker & Moses

Binker Golding, sax tenore; Moses Boyd, batteria

Negli ultimi anni Binker & Moses hanno fatto man bassa di premi e riconoscimenti: niente male per due musicisti appena trentenni, con due dischi alle spalle e un crescente stuolo di ammiratori, in particolare in Inghilterra. Il duo sta attirando anche l’interesse di molti ascoltatori giovani che magari fino a oggi hanno avuto con il jazz un rapporto superficiale (quando non assente). La cosa è ancor più significativa se pensiamo al fatto che la natura stessa della formazione, sassofono e batteria, non lascia spazio a particolari strizzate d’occhio alle mode musicali effimere.

8 novembre, 22:00 @ Bravo Caffé, Bologna

Sito web


Smalls live on tour

Smalls live on tour

Ryan Kisor, tromba; Joel Frahm, sax tenore; Spike Wilner, pianoforte;
Tyler Mitchell, contrabbasso; Anthony Pinciotti, batteria

Tre giorni che non rappresentano solo l’opportunità di ascoltare musicisti di altissimo livello, ma anche l’occasione per festeggiare il gemellaggio tra il Bologna Jazz Festival (qui in partnership con la Cantina Bentivoglio), il Jazz Club Ferrara e gli Amici del Jazz di Modena, con uno dei più importanti e longevi jazz club di New York. Radunati sotto la guida di Spike Wilner, direttore dello Smalls, apprezzato pianista e compositore,troviamo la coesa sezione ritmica della casa e una front line che promette fuoco e fiamme.

9 novembre, 21:30 @ Cantina Bentivoglio, Bologna

Sito web


Smalls live on tour

Smalls live on tour

Ryan Kisor, tromba; Joel Frahm, sax tenore; Spike Wilner, pianoforte;
Tyler Mitchell, contrabbasso; Anthony Pinciotti, batteria

Tre giorni che non rappresentano solo l’opportunità di ascoltare musicisti di altissimo livello, ma anche l’occasione per festeggiare il gemellaggio tra il Bologna Jazz Festival (qui in partnership con la Cantina Bentivoglio), il Jazz Club Ferrara e gli Amici del Jazz di Modena, con uno dei più importanti e longevi jazz club di New York. Radunati sotto la guida di Spike Wilner, direttore dello Smalls, apprezzato pianista e compositore,troviamo la coesa sezione ritmica della casa e una front line che promette fuoco e fiamme.

10 novembre, 21:30 @ Torrione Jazz Club, Ferrara

Sito web


Smalls live on tour

Smalls live on tour

Ryan Kisor, tromba; Joel Frahm, sax tenore; Spike Wilner, pianoforte;
Tyler Mitchell, contrabbasso; Anthony Pinciotti, batteria

Tre giorni che non rappresentano solo l’opportunità di ascoltare musicisti di altissimo livello, ma anche l’occasione per festeggiare il gemellaggio tra il Bologna Jazz Festival (qui in partnership con la Cantina Bentivoglio), il Jazz Club Ferrara e gli Amici del Jazz di Modena, con uno dei più importanti e longevi jazz club di New York. Radunati sotto la guida di Spike Wilner, direttore dello Smalls, apprezzato pianista e compositore,troviamo la coesa sezione ritmica della casa e una front line che promette fuoco e fiamme.

11 novembre, 21:30 @ Smallet Jazz Club, Modena

Sito web


Straight, no chaser - Jazz Insights 2017

Straight, no chaser - Jazz Insights 2017

Un progetto del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna a cura di Emiliano Pintori

STRAIGHT, NO CHASER
dedicato a Thelonious Monk

Cinque protagonisti della musica afroamericana di cui quest’anno ricorrono importanti anniversari raccontati dall’interno, vale a dire dalla prospettiva di un musicista jazz, Emiliano Pintori, in compagnia
del suo pianoforte e di autorevoli ospiti.

Biglietti: €6 intero / €5 ridotto. Ingresso fino a esaurimento posti
Prenotazioni su museibologna.it/musica fino alle 12 del giorno dell'evento (salvo esaurimento anticipato posti)

11 novembre, 17:00 @ Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Bologna

Sito web


Ralph Towner Solo

Ralph Towner Solo

Ralph Towner, chitarra

Ralph Towner rappresenta sicuramente una figura atipica nel vasto mondo della chitarra jazz, sia per l’utilizzo esclusivo di strumenti acustici come la chitarra 12 corde e la chitarra classica, sia perché i suoi interessi musicali si sono spinti ben al di là della frontiera del jazz tout court. Fondatore degli Oregon, gruppo artefice di un ardito e innovativo cocktail di jazz, classica, folk e world music, Ralph Towner è fin dal 1972 uno dei nomi di spicco della ECM, etichetta discografica con la quale ha appena pubblicato il suo ultimo album, My Foolish Heart.

11 novembre, 21:30 @ Torrione Jazz Club, Ferrara

Sito web


Radio Ritmo - Voci e suoni dall'etere

Radio Ritmo - Voci e suoni dall'etere

Ideazione di Gianbattista Giocoli - Regia e adattamento teatrale di Massimo Sceusa
Voci recitanti Angela Malfitano e Massimo Sceusa
Musiche composte ed eseguite da Piero Bittolo Bon, Stefano Dallaporta e Andrea Grillini

In collaborazione con Atti Sonori e Piccolo Teatro del Baraccano

Il 30 ottobre del 1938 la trasmissione radiofonica della CBS di Orson Welles The War of the Worlds scatenò il panico facendo credere che un conflitto interplanetario fosse iniziato attraverso un’invasione aliena a New York. Liberamente ispirata all’esperienza di Welles, Radio Ritmo, vuole ricordare l’impressionante potenza comunicativa della radio, all’epoca protagonista assoluta dei mass media. Un inno alla  straordinaria capacità di coinvolgimento dei suoni e delle voci, ancora autonomi rispetto all’immagine.

12 novembre, 17:30 @ Teatro del Baraccano, Bologna


Becca Stevens

Becca Stevens

Becca Stevens, voce, chitarra, ukulele; Michelle Willis, tastiere, voce;
Jordan Perlson, batteria, percussioni

Già collaboratrice di David Crosby, Snarky Puppies e Jacob Collier, artista in solo davvero dotata, vocalist al servizio di jazzisti del calibro di Brad Mehldau e Taylor Eigsti, Becca Stevens ha tutti gli ingredienti che contano: voce, musicalità, intonazione e personalità. Sostenuta dalle sole tastiere e percussioni, e accompagnandosi egregiamente alla chitarra, la Stevens produce un pop raffinato nel quale convergono le sue esperienze nell’ambito del folk e del jazz. Tracce chiaramente riscontrabili nel suo acclamato ultimo lavoro discografico: Regina.

12 novembre, ore 21:00 @ Bravo Caffé, Bologna

Sito web


Kimia Ghorbani & Tarifa

Kimia Ghorbani & Tarifa

Kimia Ghorbani, voce, daf; Riccardo Morandini, chitarra;
David Sarnelli, fisarmonica; Federico Caruso clarinetto

Concerto inserito all'interno del progetto The Sound Routes

The Sound Routes è cofinanziato dal programma Europa Creativa dell'Unione Europea e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

"Sound routes. Notes to get closer" è un’iniziativa dedicata all’integrazione sociale e professionale dei musicisti migranti e rifugiati. Il progetto, finanziato attraverso il Programma Europa Creativa della Commissione Europea, vede la partecipazione di un partenariato costituito da cinque istituzioni, tra cui il Bologna Jazz Festival, provenienti da Italia, Spagna, Belgio e Germania. The Sound Routes vuole sostenere le potenzialità creative e le abilità artistiche di migranti e rifugiati, attraverso azioni di integrazione con i musicisti e il pubblico europeo. Il progetto è coordinato dall’agenzia musicale spagnola Marmaduke e include residenze artistiche, jam sessions, house concerts e concerti a Siviglia, Roma, Berlino, Bologna e Gand.

In apertura di serata inaugurazione - esposizione opere finaliste del bando FARBEN - premio nazionale di Illustrazione e Fumetto: Disegnare il Jazz. In coda al concerto jam session.

12 novembre, 22:00 @ Binario 69, Bologna

Sito web


Mirra-Ricci - Due di noi

Mirra-Ricci - Due di noi

Pasquale Mirra, vibrafono, percussioni; Stefano Ricci, disegno

 

Evento integrante del Progetto Didattico Massimo Mutti

In collaborazione con Angelica, BilBOlbul - Festival Internazionale di Fumetto, Liceo artistico Arcangeli, Centro Studi Didattica delle Arti

13 novembre, 21:15 @ Teatro San Leonardo, Bologna


4 by Monk by 4

4 by Monk by 4

L’ultimo concerto in teatro per il Bologna Jazz Festival 2017 sarà un tripudio pianistico: martedì 14 novembre al Teatro Duse, Kenny Barron, Dado Moroni, Danny Grissett e Cyrus Chestnut andranno in scena alternandosi, affiancandosi e confrontandosi l’un l’altro. Il nome collettivo 4 by Monk by 4 scelto da Barron e soci non è casuale: questi quattro fenomenali pianisti offriranno altrettanti punti di vista sull’universo musicale di Thelonious Monk, in occasione del centenario della sua nascita. Barron, Moroni, Grissett e Chestnut si presenteranno al pubblico nelle più varie combinazioni: in solo, in duo sino all’apoteosi col quartetto al completo schierato dietro due gran coda.

14 novembre, 21:15 @ Teatro Duse, Bologna

DETTAGLI EVENTO

BIGLIETTI: vivaticket button


Yellowjackets

Yellowjackets

Bob Mintzer, sax; Russell Ferrante, tastiere;
Felix Pastorius, basso elettrico; Will Kennedy, batteria

Yellowjackets è da quarant’anni il marchio di fabbrica della fusion statunitense. La storica band nasce nel 1977 come gruppo del chitarrista Robben Ford, per poi assumere l’attuale nome nel 1981 e
definirsi con l'ultimo organico (fatta eccezione per il solo bassista Jimmy Haslip) a partire dagli anni ’90. In questo ampio lasso di tempo il gruppo ha prodotto oltre venti dischi, pervenendo a una personalissima sintesi dei linguaggi: jazz, funk, R&B e musica latina. Il quartetto presenterà il materiale dell’ultimo lavoro, Cohearence, e alcuni dei suoi grandi classici.

15 novembre, 22:00 @ Bravo Caffé, Bologna

Sito web


Casarano - Bardoscia Duo

Casarano - Bardoscia Duo

Raffaele Casarano, sassofoni; Marco Bardoscia, contrabbasso

Una produzione originale nata quest’estate per "Time in Jazz" che ha chiamato in azione due musicisti salentini legati da tempo da proficua collaborazione: il sassofonista Raffaele Casarano e il contrabbassista Marco Bardoscia. I due decidono di realizzare un lavoro peculiare utilizzando i loro strumenti in chiave melodica, ricorrendo a effetti elettronici dal vivo per compensare l'assenza di elementi armonici. Nascono così armonie e ritmi ad hoc che attingono a piene mani dal mondo sonoro del jazz nord europeo.

16 novembre, 21:30 @ Cantina Bentivoglio, Bologna


Hermanos Trio & Horacio

Hermanos Trio & Horacio "El Negro" Hernandez

Francesco Cavaliere, chitarra; Max Puglia, chitarra;
Nico Di Battista, basso elettrico; Horacio Hernandez, batteria, percussioni

I componenti dell’Hermanos Trio sono tre virtuosi strumentisti campani, incontratisi dopo un percorso musicale personale, nei più svariati ambiti espressivi. Nasce così un progetto che unisce il jazz alla musica latina, con una particolare predilezione per il linguaggio flamenco. Una sintesi di grande efficacia, ricca di virtuosismi e di spericolate improvvisazioni, impreziosita, in occasione di questa loro tournée, dalla presenza di un ospite di assoluto riguardo come il celebre batterista e percussionista cubano Horacio "El Negro" Hernandez.

17 novembre, 21:15 @ Teatro Consorziale, Budrio (BO)


(Più di) Cento anni di jazz - Jazz Insights 2017

(Più di) Cento anni di jazz - Jazz Insights 2017

Un progetto del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna a cura di Emiliano Pintori

(PIÙ DI) CENTO ANNI DI JAZZ
Da New Orleans alle origini
Guest Guglielmo Pagnozzi

Cinque protagonisti della musica afroamericana di cui quest’anno ricorrono importanti anniversari raccontati dall’interno, vale a dire dalla prospettiva di un musicista jazz, Emiliano Pintori, in compagnia
del suo pianoforte e di autorevoli ospiti.

Biglietti: €6 intero / €5 ridotto. Ingresso fino a esaurimento posti
Prenotazioni su museibologna.it/musica fino alle 12 del giorno dell'evento (salvo esaurimento anticipato posti)

18 novembre, 17:00 @ Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Bologna

Sito web


Miguel Zenón Quartet

Miguel Zenón Quartet

Miguel Zenón, sax alto; Louis Perdomo, pianoforte;
Hans Glawishing, contrabbasso; Henry Cole, batteria

Sassofonista e compositore portoricano, da anni personalità di punta della scena della Big Apple, Miguel Zenón, oltre alle collaborazioni illustri a fianco di Charlie Haden e con il San Francisco Jazz Collective, può vantare un’intensa attività di band leader che gli è valsa numerose candidature ai Grammy. Lo ascolteremo a capo del suo rodatissimo quartetto, un gruppo con alle spalle oltre dieci anni di attività e numerose incisioni, tra cui l’ultima apprezzata prova discografica dal titolo Tipico, una perfetta miscela di folklore dell’America Latina e jazz moderno.

18 novembre, 21:30 @ Torrione Jazz Club, Ferrara

Sito web


Miguel Zenón Quartet

Miguel Zenón Quartet

Miguel Zenón, sax alto; Louis Perdomo, pianoforte;
Hans Glawishing, contrabbasso; Henry Cole, batteria

Sassofonista e compositore portoricano, da anni personalità di punta della scena della Big Apple, Miguel Zenón, oltre alle collaborazioni illustri a fianco di Charlie Haden e con il San Francisco Jazz Collective, può vantare un’intensa attività di band leader che gli è valsa numerose candidature ai Grammy. Lo ascolteremo a capo del suo rodatissimo quartetto, un gruppo con alle spalle oltre dieci anni di attività e numerose incisioni, tra cui l’ultima apprezzata prova discografica dal titolo Tipico, una perfetta miscela di folklore dell’America Latina e jazz moderno.

19 novembre, 14:00 jazz brunch @ Cantina Bentivoglio, Bologna

Sito web


Alaa Arsheed & Isaac De Martin

Alaa Arsheed & Isaac De Martin

Alaa Arsheed, violino; Isaac de Martin, chitarra

Concerto inserito all'interno del progetto The Sound Routes

The Sound Routes è cofinanziato dal programma Europa Creativa dell'Unione Europea e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

"Sound routes. Notes to get closer" è un’iniziativa dedicata all’integrazione sociale e professionale dei musicisti migranti e rifugiati. Il progetto, finanziato attraverso il Programma Europa Creativa della Commissione Europea, vede la partecipazione di un partenariato costituito da cinque istituzioni, tra cui il Bologna Jazz Festival, provenienti da Italia, Spagna, Belgio e Germania. The Sound Routes vuole sostenere le potenzialità creative e le abilità artistiche di migranti e rifugiati, attraverso azioni di integrazione con i musicisti e il pubblico europeo. Il progetto è coordinato dall’agenzia musicale spagnola Marmaduke e include residenze artistiche, jam sessions, house concerts e concerti a Siviglia, Roma, Berlino, Bologna e Gand.

Al termine del concerto jam session

19 novembre, 22:00 @ Binario 69, Bologna

Sito web


Saggio in forma di concerto

Saggio in forma di concerto

Performance collettiva degli allievi di:
Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna
Liceo Musicale “L. Dalla” di Bologna
Accademia di Belle Arti di Bologna
Liceo Artistico “F. Arcangeli” di Bologna

Direzione di Pasquale Mirra
e Stefano Ricci

Ingresso gratuito, non prenotabile
e consentito fino ad esaurimento posti.

 

Evento integrante del Progetto Didattico Massimo Mutti

In collaborazione con CUBO - Centro Unipol BOlogna, BilBOlbul - Festival Internazionale di Fumetto, Liceo artistico Arcangeli, Centro Studi Didattica delle Arti

19 novembre, 17:30 @ Unipol Auditorium, Bologna


We insist! - Jazz Insights 2017

We insist! - Jazz Insights 2017

Un progetto del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna a cura di Emiliano Pintori

WE INSIST!
dedicato a Max Roach
Guest Marco Frattini e Luca Bernard

Cinque protagonisti della musica afroamericana di cui quest’anno ricorrono importanti anniversari raccontati dall’interno, vale a dire dalla prospettiva di un musicista jazz, Emiliano Pintori, in compagnia
del suo pianoforte e di autorevoli ospiti.

Biglietti: €6 intero / €5 ridotto. Ingresso fino a esaurimento posti
Prenotazioni su museibologna.it/musica fino alle 12 del giorno dell'evento (salvo esaurimento anticipato posti)

25 novembre, 17:00 @ Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Bologna

Sito web


Sweet soul music - Jazz Insights 2017

Sweet soul music - Jazz Insights 2017

Un progetto del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna a cura di Emiliano Pintori

SWEET SOUL MUSIC
dedicato a Otis Redding
Guest Francesca Esposito

Cinque protagonisti della musica afroamericana di cui quest’anno ricorrono importanti anniversari raccontati dall’interno, vale a dire dalla prospettiva di un musicista jazz, Emiliano Pintori, in compagnia
del suo pianoforte e di autorevoli ospiti.

Biglietti: €6 intero / €5 ridotto. Ingresso fino a esaurimento posti
Prenotazioni su museibologna.it/musica fino alle 12 del giorno dell'evento (salvo esaurimento anticipato posti)

2 dicembre, 17:00 @ Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Bologna

Sito web

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze parti. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.