Bologna_Modern_3.jpg

Bologna Modern #3 a prezzo ridotto per i soci del BJF

Torna la rassegna Bologna Modern - Festival per le musiche contemporanee, realizzato dal Teatro Comunale di Bologna con Musica insieme, che per la sua terza edizione ha scelto come titolo "1968-2018" e che si svilupperà tra il 2 ottobre e il 22 novembre. Anche quest'anno i possessori della Bologna Jazz Card potranno accedere a prezzo ridotto a tutti i concerti organizzati da Musica Insieme.

Bologna Modern #3 celebrerà i cinquant'anni dal 1968 con oltre 40 appuntamenti che abbracceranno diversi linguaggi sonori contemporanei, per interrogarsi sui profondi mutamenti che quell'anno ha innescato nel pensiero artistico e sulla globalizzazione culturale che ne è derivata. Un itinerario di respiro internazionale, più ricco di proposte trasversali rispetto alle precedenti edizioni, completato da un omaggio al compositore russo Dmitrij Šostakovič.

Tra i concerti dedicati all'oggi, Musica Insieme presenta Cristina Zavalloni inSpecial Moon feat. Jan Bang (12 ottobre, Teatro Comunale di Bologna), con una formazione composta da Cristiano Arcelli al sax alto, Simone Graziano al pianoforte, Daniele Mencarelli al basso, Alessandro Paternesi alla batteria e con la partecipazione speciale di Jan Bang al sampling. Il progetto Special Moon è incentrato su un tema, un’idea, la luna, “ma soprattutto su di un suono” – precisa Cristina Zavalloni – completamente diverso da quello di tutti gli altri suoi dischi. Catalizzatrice dell’ampia e inclusiva sensibilità musicale dell’artista è appunto la luna, che le permette di spaziare da inaspettate interpretazioni di standard jazz a canzoni pop, e dal repertorio popolare per l’infanzia ai brani originali che sono specialmente dedicati alla figlia, da poco arrivata a fare parte della sua vita.

Completa la terza edizione di Bologna Modern la sezione monografica dedicata da Musica Insieme a Dmitrij Šostakovič curata da Musica Insieme. L’omaggio al grande compositore sovietico si aprirà il 17 ottobre al Cinema Lumière con la proiezione del film di Aleksandr Sokurov Viola Sonata (1981), documentario sulla vita di Šostakovič, ma anche affresco di un’intera epoca, che coglie l’artista nella sua quotidianità familiare come nei rovesci professionali seguiti alla censura staliniana. Seguirà una rassegna di concerti, dal 18 ottobre al 22 novembre, in cui l’integrale dei Quartetti per archi di Šostakovič verrà eseguita da cinque formazioni emergenti della scena cameristica internazionale: Quartetto Dàidalos (18 ottobre), Quartetto César Franck (24 ottobre), Quartetto Noûs (8 novembre), Quartetto Guadagnini (15 novembre) e Quartetto Adorno (22 novembre), tutti di scena all'Oratorio San Filippo Neri.

I biglietti sono acquistabili sul circuito Vivaticket, al Teatro Auditorium Manzoni (dal martedì al sabato, 15-18:30) e nelle sedi dei concerti a partire da un'ora prima dell'inizio. 

Per le info complete su programma e biglietteria clicca qui.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze parti. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
Shares