L'omaggio a David Bowie, Scofield & Holland, Rubalcaba & Nuviola al BJF2021

Lavori in corso ma ancora per poco: il Bologna Jazz Festival sta predisponendo i contenuti per l’edizione 2021 che si terrà dal 28 ottobre al 18 novembre. Oltre tre settimane non stop con decine di concerti: il programma del festival sarà reso noto verso metà ottobre e comprenderà importanti attività di contorno, dalla didattica alle arti figurative, oltre a conferenze, presentazioni editoriali, mostre. In attesa della programmazione completa, possiamo intanto rivelare i big del cartellone: Paolo Fresu con “Heroes”, il suo progetto dedicato a David Bowie caratterizzato da un ampio organico all stars; John Scofield e Dave Holland riuniti in un duo che è un vertice nella storia del jazz moderno; Gonzalo Rubalcaba e Aymée Nuviola, che porteranno ritmi e colori di Cuba nel cuore di Bologna.

Continua a leggere

Ciao Cicci - Il ricordo di Checco Coniglio

Il 12 agosto 2021 ci ha lasciati Cicci Foresti, un uomo che per Bologna e per il jazz ha dato tanto e al quale saremo sempre grati, e a cui dedicheremo il Bologna Jazz Festival 2021.

Pubblichiamo qui un ricordo di Checco Coniglio, Presidente onorario del Bologna Jazz Festival.

Continua a leggere

Alessandro Lanzoni sostituisce Enrico Rava al "Concerto per la Memoria di Ustica"

Con rammarico dobbiamo comunicare che, per motivi di salute del Maestro Enrico Rava, il concerto previsto per giovedì 29 luglio 2021 alle 21:15 presso il Museo per la Memoria di Ustica del duo Enrico Rava - Andrea Pozza non potrà avere luogo con analoga formazione.

Cogliendo l'occasione per fare i migliori auguri di guarigione al Maestro, ne approfittiamo per annunciare che la serata vedrà in scena due esponenti del migliore piano jazz nazionale: lo stesso Andrea Pozza e Alessandro Lanzoni.

Continua a leggere

Il BJF presenta "Blue Skies": otto concerti dal 7 al 29 luglio

Quello che si svolgerà dal 7 al 29 luglio, con il benaugurante titolo “Blue Skies”, sarà un Bologna Jazz Festival in forma del tutto inedita, a partire dal periodo estivo (anziché la classica collocazione autunnale), per proseguire con le location dei concerti, che non saranno più i principali teatri cittadini ma quasi sempre spazi all’aperto. In tal modo il BJF riesce a tornare in contatto col suo pubblico, compensando l’edizione annullata a causa della pandemia lo scorso ottobre-novembre.

Continua a leggere